Burro ghee

Burro ghee

da Caseificio Rabbia
3 sold

5,30

Burro tipico della tradizione indiana ottenuto esclusivamente da panna di centrifuga

Vasetto da 100 g

Scopri come funziona foodaloo.it
Quantity

Recensito da

Gianluca

L’Alchimista

È il burro che si può mangiare senza sensi di colpa! Ingrediente usato da migliaia di anni in India, si tratta di un burro chiarificato, scaldato a fuoco lento per eliminarne l’acqua, le proteine ed il lattosio. È indicato per gli intolleranti, non ha colesterolo ed è ricchissimo di vitamine e sali minerali. Essendo privo di acqua ha una resa maggiore del burro ma soprattutto è molto buono, con il suo vago sapore di nocciola. Provate a metterne un cucchiaino negli ultimi minuti di cottura su carni o funghi, sentirete che differenza!
COD: CSFCN01B4001 Categorie: ,

Il ghee (o ghi) è un burro della tradizione indiana la cui ricetta risale a circa 5000 anni fa, si caratterizza per il delicato retrogusto di nocciola e per le straordinarie proprietà nutritive, contiene infatti le vitamine liposolubili A, B2, D, E, K e molti minerali, tra cui calcio, magnesio, fosforo e potassio. Può essere consumato serenamente anche dagli intolleranti al lattosio e alla caseina in quanto nella preparazione perde acqua, proteine e lattosio, diventando il grasso nobile per eccellenza, adatto anche per le fritture perché ha un punto di fumo molto alto: 190-200 °C contro i 120-130 °C del burro tradizionale.

Benché sia puro grasso al 100%, gli acidi grassi saturi che lo compongono sono per il 70% a catena corta, questo significa che il corpo li utilizza velocemente per scopi energetici e non li immagazzina. Sono inoltre grassi di facile assorbimento e digeribilità.

Il burro ghee del Caseificio Rabbia appartiene alla linea Rodulphia, dall’antico nome del borgo medievale di Ruffia, paese del cuneese alle pendici del Monviso dove le antiche origini dell’eccellenza casearia di quelle valli sono tramandate di generazione in generazione.

E dagli antichi metodi di purificazione del burro nasce questo prodotto di straordinaria qualità, che i mastri casari del Caseificio Rabbia amano definire “la vera anima del burro”.

Formato

Vasetto da 100 g

Reperibilità

Tempo di preparazione

Ingredienti in etichetta

Burro da panna di centrifuga (origine del LATTE: Italia)

Allergeni

Latte, lattosio

Note

, ,

Valori nutrizionali medi per 100 g

Energia 3691 kJ/898 kcal
Grassi 99,8 g
di cui acidi grassi saturi 68,5 g
Carboidrati 0 g
di cui zuccheri 0 g
Proteine 0 g
Sodio 0 mg
Sale 0,008 g

Tempo di conservazione

180 giorni

Modalità di conservazione

Conservare in un luogo fresco ed asciutto, lontano da fonti di calore

Spedizione

Le spedizioni dei prodotti deperibili, che necessitano di essere conservati a temperatura controllata, sono effettuate nei giorni di lunedì, martedì e mercoledì. Per ordini effettuati dal giovedì alla domenica la spedizione avverrà nella settimana successiva, onde evitare giacenze nei giorni di sabato e domenica e conseguente rischio di alterazione degli alimenti

Regione

Caseificio Rabbia

Arrivato a Ruffia, piccolo borgo medievale in provincia di Cuneo, mi hanno accolto bellissime vacche bianche tranquillamente intente a pascolare mentre un dolce e persistente profumo di latte mi indicava la strada per il caseificio Rabbia. Qui nel 1890 giunse dalle montagne, le Alpi Marittime, Francesco Pietro Giuseppe Rabbia, il quale pensò di aver trovato il posto giusto per iniziare a produrre formaggi di ottima qualità. Il posto era giusto ed oggi Francesco Rabbia, alla quinta generazione, guida il caseificio di famiglia. Fin dall'inizio si è mantenuta la tradizione di produrre formaggi solo con latte crudo in caldaie di puro rame perché il rame influisce molto sulla maturazione dei formaggi. Il latte proviene tutto da piccoli allevamenti limitrofi in cui le mucche pascolano su prati "stabili", ovvero mai arati, dove l'erba e le pianticelle autoctone crescono spontanee grazie ai semi portati dal vento. Nei mesi invernali gli animali vivono in stalle ampie e pulite, alimentati soprattutto a fieno. Benché non sia questo l'unico segreto per fare degli ottimi formaggi, è sicuramente un ottimo punto di partenza.

0

TOP