fbpx
Filetti di acciughe Don Battista in olio di oliva 100 g

Filetti di acciughe Don Battista in olio di oliva 100 g

da Balistreri Girolamo

5,20

Don Battista: Filetti di acciughe spagnole del Cantabrico in olio di oliva 

lavorate da fresco

Confezione da 100 g (sgocciolato 55 g)

Scopri come funziona foodaloo.it
Quantità

Vedi anche gli altri prodotti di Balistreri Girolamo


Assaggiato da

Gianluca

L’Alchimista

acciughe pescate nel Mar Cantabrico lavorate con cura e messe sotto sale e una volta giunte a giusta maturazione vengono sfilettate e confezionate a mano Queste acciughe del mare freddo, particolarmente spesse e carnose, danno il meglio di se: probabilmente le acciughe più buone ed  apprezzate di tutto il mondo. .

 A proposito delle acciughe del Cantabrico:

Furono dei pescatori siciliani tra la fine del 1800 e l’inizi del 1900 a scoprire in Cantabria, siamo in Spagna la regione di Bilbao, una varietà di acciughe particolarmente grande e saporita. Con la salatura „gentile“ ovvero „alla carne“ (come si trattasse di bistecca) queste acciughe del mare freddo, particolarmente spesse e carnose, danno il meglio di se: probabilmente le acciughe più buone ed  apprezzate di tutto il mondo.

 

“Tradizione, passione, qualità”

Pesca sostenibile certificata, la pesca è effettuata con reti a circuizione.

 

Peso 0,2 kg
Formato

Confezione da 100 g (sgocciolato 55 g)

Reperibilità

Tempo di preparazione

Valori nutrizionali medi per 100 g di prodotto

Energia 1047 kJ / 251 kcal
Grassi 15,8 g
di cui acidi grassi saturi 2,71 g
Carboidrati 1,6 g
di cui zuccheri 0,13 g
Proteine 25,6 g
Sale 11,8 g
Contenuto medio di acidi grassi Omega 3 per 100g di prodotto intero = 0,740 g

Modalità di conservazione

Conservare in luogo fresco e al riparo dalla luce diretta; una volta aperto conservare tra 0 e +4 °C

Regione

ingredienti

Acciughe (Engraulis Encrasicolus)
Olio di oliva
Sale
ZONA DI PESCA Pescato e selezionato in Zona FAO 27 VIIIc (Mar Cantabrico)
BOLLO CE IT 454 CE

Scadenza

18 mesi

Balistreri Girolamo

La „ leggenda delle acciughe", dal libro "L 'alice delle Meraviglie", di Maria Teresa Vigliero: "Tanti e tanti anni fa, tanti che non potete manco immaginarne quanti, splendeva nel cielo una numerosa famiglia di così stelle; stelle piccine piccine…forse le più luminose di tutto l'universo. Si chiamavano Engrauline ed erano molto, molto vanitose… Fecero piangere la Luna ed il Buon Dio le punì: c on un gesto imperioso della mano, le strappò dalla volta celeste e le gettò in mare. " Ecco - disse dall'alto - gli umani potranno giorno godere e notte del vostro splendido color argenteo, che però non sarà finalmente finalmente più eterno, ma fuggevole come un sospiro. E gli umani continueranno ad apprezzarvi molto sì, ma come cibo E come cibo le acciughe si possono considerare un prodotto tradizionale italiano, anzi siciliano: sono stati pescatori siciliani ad insegnare a spagnoli e portoghesi a salare le acciughe "alla carne", ovvero con una tecnica di salatura leggera che esalta il sapore delle carni e del mare. Il centro più famoso per la salatura delle acciughe é indubbia Aspra, pittoresco borgo marinaro nel comune di Bagheria, nel golfo di Palermo Qui dal 1947 la Girolamo Balistreri fondata da Giovanbattista é leader nella salatura e di acciughe ( engraulis encrasicolus ) Questo pesce azzurro , il cui periodo migliore per la pesca é tra maggio e giugno, viene pescato di notte e portato di prima mattina allo stabilimento dove in giornata viene sf ilettato e salato rigorosamente a mano per diventare dopo la giusta stagionatura la famosa acciuga salata È un alimento sano, ricco di vitamine, omega 3 e omega 6. Le acciughe di si riconoscono dal colore rosato delle carni, che ne indica la perfetta maturazione, qualità e come dice Michelangelo Balistreri „devono semplicemente trasmettere emozioni“. Girolamo e Michelangelo Balistreri hanno anche fondato il “Museo dell'acciuga” ad Aspra. Il museo è l'unico del suo genere nel mondo, un autentico scrigno di tesori della Sicilia e del mare ed un'interessantissimo spaccato della vita e della storia della regione. „Non ci può essere futuro se non si rispetta il passato dice Michelangelo, un' imprenditore, un cantore ed un poeta profondamente innamorato della sua terra, delle sue bellezze e valori e per questi valori non ha avuto esitazioni a ribellarsi a tentativi di estorsioni e denunciare la mafia.

0

SU

it_IT