fbpx
Confettura di Banana e Tartufo

Confettura di Banana e Tartufo

da Lunigiana Tartufo

3,5011,00

Confettura Banana e Tartufo

Con banane e zucchero e Tartufo nero uncinato (tuber uncinatum) e Tartufo nero estivo (tuber aestivum) 6,0%, con tartufi cercati direttamente dal produttore e le banane a km zero prodotte dall’azienda, golosa, sana e genuina!

L’abbinamento banana e tartufo è un matrimonio gourmet, qui dolcezza e cremosità si sposano ai profumi del tartufo nero e ai suoi aromi, provala su una ricotta vaccina!

Disponibile in vaso da 40 g, da 100 g o da 200 g

Scopri come funziona foodaloo.it
Quantità

Vedi anche gli altri prodotti di Lunigiana Tartufo


COD: N / A Categoria:
Confettura di Banana e Tartufo

Recensito da

Arianna

L'artigiana

  • Lunigiana Tartufo nasce dalla passione e dall’esperienza maturata in tanti anni di caccia al tartufo da parte di Simone Mori una Guida Ambientale Escursionistica che oltre alla passione per il tartufo porta avanti la propria azienda agricola coltivando frutta, verdura e legumi di qui l’idea di creare una propria linea di delizie ecco come nasce Confettura di Banana e Tartufo
  • La linea di confetture è pensata per realizzare delle specialità con accostamenti e sapori anche insoliti tutti a base dei preziosi funghi ipogei, i tartufi, raccolti personalmente da Simone, ma oltre alle ricette originali l’azienda si fa garante di usare le proprie materie e i propri prodotti coltivati per offrire una filiera a km zero!

La Confettura di Banana al Tartufo è preparata secondo una ricetta originale con banane che si prestano molto bene per la preparazione delle confetture grazie alla loro morbidezza e dolcezza, un prodotto salutare ricco di potassio e minerali come ferro e calcio, il tartufo la rende gourmet con  con i suoi aromi intensi e caratteristici. provatela con le carni grigliate!

Regione

Tempo di preparazione

Ingredienti

Banana 54,3% – Zucchero 30% – Succo di Limone 10% – Tartufo Nero (Tuber Uncinatum) 5% – Aromi – Agar bio.

Formato

Vaso da 40 g, Vaso da 100 g, Vaso da 200 g

Valori nutrizionali

K cal. 85
Kj 355
Grassi 1,96 gr
di cui Acidi grassi saturi 0,45 gr
Carboidrati 17,16 gr
di cui Zuccheri 10 gr
Proteine 1,1 gr
Fibra 1,63 gr
Sale 0,00 gr

Modalità di conservazione

CONSERVARE IN LUOGO FRESCO E ASCIUTTO AL RIPARO DA FONTI DI LUCE E CALORE

Una volta aperto conservare in frigorifero e consumare entro qualche giorno

tartufo della Lunigiana

La Lunigiana è una terra incontaminata dell'Alta Toscana, nell'Appennino Tosco-Emiliano qui il tartufo è una vera eccellenza, un prodotto di alta qualità grazie ad un microclima unico e particolare e un territorio ricco di torrenti di acqua sorgiva, incontaminato. L'azienda agricola Lunigiana Tartufo nasce sull'impulso di Simone Mori , esperto di tartufi e GAE (Guida Ambientale Escursionista) molto legato al suo territorio e alle sue tradizioni, Simone, ogni giorno percorre più di trenta kilometri insieme ai suoi fedeli cani alla ricerca dei pregiati tartufi. Una volta trovati i tartufi nei boschi della Lunigiana, li lavora creando una linea di confetture, condimenti e altre prelibatezze a base di tartufo con una prerogativa quella di usare principalmente materie prime coltivate in azienda in modo da offrire una filiera diretta a km zero. In cucina numerose sono le ricette con il tartufo , il pregiato fungo si presta ad essere impiegato in svariate ricette, dalle uova al tartufo , al riso e alle carni e con numerosi primi piatti come i classici tagliolini la tartufo, in Lunigiana trova un'ottima interpretazione con uno dei prodotti principe della tradizione della cucina lunigianese: il testatolo al tartufo. I testaroli sono un formato di pasta di grano tenero molto antico (alcune fonti ne indicano l'uso in epoca romana) il cui utilizzo è stato sviluppato nell'area della Lunigiana e dell'estremo levante ligure. caratteristica di questa pasta è il processo di cottura che dà il nome stesso al prodotto. Infatti l'impasto di farina O, sale e acqua alla giusta densità, veniva cotto per pochi minuti (senza essere girato) in particolari pentole di ghisa o terracotta chiamate “ testi ” da qui prendono il nome.

it_IT