Cremosa alla nocciola

Cremosa alla nocciola

da Bacco

5,00

Crema alla nocciola

Vasetto da 190 g

Scopri come funziona foodaloo.it
Quantità
COD: BCCCT01350 Categorie: ,

Assaggiato da

Gianluca

L’Alchimista

Le Cremose di Bacco sono creme spalmabili artigianali, genuine e gustose. Dolce frutto del lavoro e della passione di Claudio Luca e dei suoi collaboratori che dal loro laboratorio siciliano alle pendici dell’Etna continuano a sperimentare nuove ricette per soddisfare tutti i gusti.

Formato

Vasetto da 190 g

Reperibilità

Tempo di preparazione

Ingredienti

Zucchero, pasta di NOCCIOLA 30% (NOCCIOLE) oli e grassi vegetali: grassi (palma, palmisti), oli (girasole), LATTE scremato in polvere, siero del LATTE in polvere, emulsionante: lecitina di SOIA, aromi (vanillina)

Allergeni

Latte, nocciole, soia

Avvertenze

Può contenere tracce di altra frutta in guscio (mandorle e pistacchi), farine con glutine e uova

Valori nutrizionali medi per 100 g

Energia 2556 kJ/615 kcal
Grassi 47 g
di cui acidi grassi saturi 9,6 g
Carboidrati 40 g
di cui zuccheri 39 g
Fibre 2,4 g
Proteine 6,9 g
Sale 0,2 g

Tempo di conservazione

15 mesi dalla data di produzione

Modalità di conservazione

Conservare in luogo fresco e asciutto

Certificazioni

, ,

Regione

Recensioni dei clienti
0
Valutazioni 0
5 Stella
0%
4 Stella
0%
3 Stella
0%
2 Stella
0%
1 Stella
0%
Recensioni

Non ci sono ancora recensioni.

Scrivi una recensione del cliente

Puoi essere il primo a commentare “Cremosa alla nocciola”

Bacco

Nel mio ultimo viaggio in Sicilia sono passato a trovare il mio amico Giuseppe a Bronte, città molto famosa per i suoi pistacchi. Siamo alle falde dell'Etna, sul versante sud occidentale e Giuseppe mi ha portato alla pistacchiera di famiglia. In questa collina di terra lavica tra gli alberelli di pistacchio mi ha raccontato con passione la storia e la produzione di questi preziosi frutti: «nella Genesi Giacobbe porta in dono dei pistacchi al faraone, anche la regina di Saba aveva una piantagione riservata a lei e ai suoi cortigiani. Nabocodonosor II li faceva coltivare nei giardini pensili di Babilonia per sua moglie Amytis. Poi greci, i romani... gli arabi che diffondono la coltivazione in Sicilia, ed ancora oggi noi chiamamo frastuca il pistacchio dal loro termine fustuq»

Il Pistacchio di Bronte: orgoglio e tradizione, un prodotto unico per dolcezza e brillantezza di colore, raccolto a mano solo ogni due anni, alla base della pasticceria siciliana e vanto di questa meravigliosa terra.

Poi Giuseppe mi ha portato alla Bacco, la ditta artigiana del sig. Claudio Luca per la quale lavora e che trasforma i migliori pistacchi di Bronte in stupendi dolci, creme e pesti. E lì mi si è aperto un mondo di prodotti eccezionali…

0

SU