La Cipolla con una lunga storia: la cipolla di Certaldo . Presidio Slow Food
0
La Cipolla con una lunga storia: la cipolla di Certaldo . Presidio Slow Food

E’ un tipo di cipolla rossa nota e coltivata già dal Medioevo. Viene coltivata nelle campagne prospicienti il delizioso borgo di Certaldo. I terreni sono ben drenati con un contenuto argilloso non superiore al 30%, il suo sapore è legato al contenuto si zolfo nel terreno.

Nel VI libro del Decameron, Boccaccio la cita riferendosi a Certaldo castello della Val d’Elsa, “dove un dé frati di Santo Antonio, il cui nome era frate Cipolla, forse non meno per lo nome che per altra divozione vedutovi volentieri, con ciò che quel terreno produca cipolle famose per tutta la Toscana”

Due sono le varietà: Dolce o pungente.

La “statina” è di forma allungata e dolce si semina a luglio-agosto, è trapiantata in ottobre-novembre, pronta per il consumo fresco a maggio (cipollotti) e matura a luglio-agosto; la “vernina” si semina a novembre-gennaio, si trapianta a marzo-aprile ed è pronta per la raccolta ad agosto-settembre ed viene utilizzata per il consumo invernale.

La ricetta esotica: Pollo al mango semplice e fresco per una calda serata estiva accompagnato da un buon Chardonnay.

Esplosa l’estate l’occasione è golosa per viaggiare ai Caraibi rimanendo a casa!

Abbiamo scelto per questo piatto lo Chardonnay del Maso Salengo

100% Chardonnay vinificazione in bianco con fermentazione in acciaio inox

Il gusto è fresco morbido ed equilibrato. Di un bel colore giallo paglierino, profumo fine e bouquet fruttato di mela con note di banana, di giusta acidità e corpo.

Vino di un bel colore bianco-paglierino, piacevole ed elegantemente persistente.

Articolo Scritto dalla nostra assaggiatrice Simona

Lascia un commento

La tua email non sarà mostrata.

0

SU